Il Comprensorio

aggiornamento del 21/02/2014

 

 per la Mappa Parco dei Monti Simbruini clicca quì

 

 
Galleria fotografica:

  Veduta di Camporotondo 

  Il bosco

  Le vallate 

  Fontanili e laghetti  

  La S.S. Trinità

 

 

 

Camporotondo è una località montana a 1460 m s.l.m. situata ai limiti del Parco naturalistico dei Monti Simbruini (vedi mappa), a confine tra il Lazio e l'Abruzzo, nel Comune di Cappadocia (km. 6).

La vallata è contornata dai monti Monna Rosa e Camiciola , ed appena fuori dal centro abitato ci si immerge in un'oasi di verde e silenzio.

Da sempre ha rappresentato, per gli amanti del tempo libero, il punto di ristoro e la base di partenza per bellissime escursioni sia a piedi,  che a cavallo o in mountain bike.

Perché camminare in nontagna......

Gli innumerevoli sentieri che si inoltrano tra i  boschi, all'ombra di secolari alberi di faggio, consentono, in qualsiasi periodo dell'anno, di godere della bellezza di questi luoghi rimasti ancora selvaggi ed incontaminati.

Il clima salubre. l'aria pura d'alta montagna ( 1.460 m. s.l.m.) ed il bosco che lo circonda nella sua completezza ne fanno del luogo un richiamo irresistibile.

Tra ampie valli interrotte prepotentemente da da potenti bastioni calcarei, di cui gli amici della montagna amano lal possente imponenza, tra i quali spiccano il Monte Tarino ed il Monte Viglio, lo scenario che si presenta all'escursionista, appare profondamente modellato dal carsicismo. Interessante è la presenza di laghetti d'alta quota, come quello di Pratalata, con cenosi particolari e meritevoli di essere salvaguardate.

Ma l'importanza dei Monti Simbruini è anche botanica e zoologica; le faggete più ampie dell'Italia centrale ricche di "patriarchi centenari", i boschi misti basali.

Affascinante la flora come la fioritura  di primule, bucaneve, viole, narcisi, rose selvatiche, zafferano, anemoni etc.. .

E', inoltre possibile osservare la fauna montana come la poiana, il falco pellegrino,  il grifone  e l' upupa, ed anfibi come i tritoni e raganelle ed un'ampio mondo di insetti.

Ma il meglio di sé Camporotondo, probabilmente, lo dà nel periodo invernale, infatti, complice l'altezza e la particolare esposizione al sole questa località diventa meta per sciatori che vogliono passare in assoluto relax le vacanze o il tempo libero usufruendo delle sue strutture sciistiche.


Molti sono gli itinerari escursionistici da poter effettuare nella bella stagione e altrettanto belli sono i percorsi da fare con gli sci da fondo, in inverno.

Da Camporotondo, tramite una strada sterrata carrabile che si snoda tra bosco e verdi vallate, da percorrere con attenzione, per la presenza di bestiame allo stato brado, è possibile raggiungere il Santuario della SS. Trinità nel comune di Vallepietra ( Km. 9 ).

Nel periodo autunnale, Camporotondo è meta di cercatori di funghi, che si insinuano nel vasto sottobosco o errano per le lussureggianti vallate.

A pochi chilometri (KM. 8), presso Petrella Liri, si possono ammirare le " Grotte di Beatrice Cenci " . uno scenario incantato di stalattiti e stalagmiti ed un ritrovamento di sito preistorico. Inoltre sulle pareti di roccia della Grotta Col sono sempre più numerosi gli appassionati di free climbing.

Inoltre si suggeriscono escursioni presso i parchi naturalistici e riserve naturali presenti in questo territorio marsicano: Parco Nazionale d'Abruzzo - Lazio - Molise, Parco Naturale del Sirente-Velino, Riserva Regionale "Zompo lo Schioppo", Riserva Naturale Orientata "Monte Velino", Riserva Naturale guidata "Monte Salviano".